Pages Navigation Menu

Dai Prodotti alle Soluzioni, tramite i Servizi

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su LinkedIn Seguici su Flickr Seguici su SlideShare Seguici su YouTube Seguici su Pinterest Richiesta Informazioni
Categories Navigation Menu
<< precedente successivo >>
pagina precedente

Gestione produzione fashion con RFID – Case History M&J GROUP

Filiera produttiva del fashion tracciata con l’RFID: quando il dato è co-creato e condiviso crea valore!
M&J_jeans-f - tabella
Settore Applicativo
RFID per la tracciabilità di produzione

Settore di Mercato
RFID per il fashion

Tecnologia
RFID Passiva in banda UHF

Rivenditore

Essedi Sviluppo Clienti Srl www.sditaly.com

End User

M&J GROUP www.mj-group.com

M&J_jeans-dL’impulso alla soluzione tecnologica nasce dalle particolarità operative del comparto fashion, che trovano in M&J GROUP un significativo testimonial: fondata nel 1965 a Dhaka in Bangladesh per la lavorazione del Denim uomo, donna e bambino attraverso una produzione verticale a ciclo completo, l’azienda asiatica lavora oggi per i più importanti brand mondiali realizzando opere d’arte sartoriali, con una produzione giornaliera di 50 mila capi d’abbigliamento.

Tra i fattori che hanno decretato un simile successo, un’attenta gestione di tutta la filiera produttiva che il gruppo sviluppa in maniera costante per dare un servizio in termini di puntualità e qualità ai massimi livelli ai propri clienti.

Il mercato della moda è infatti caratterizzato da un’elevata complessità, dettata a monte dalla ramificazione del prodotto realizzato (varianti, taglie, colori, stagionalità etc.) e, quindi, da processi produttivi con un elevato livello di specificità: germoglia quindi in questo habitat l’esigenza di un supporto tecnologico con un altrettanto elevato livello di integrazione e personalizzazione specifico per il settore fashion, qual è il sistema integrato SDTO1, che Essedi ha creato.

Dalle aspettative alla soluzione

L’adozione del sistema SDT01, acronimo di EsseDi e Totem (la cifra si riferisce alla prima release), integra tutte le funzioni necessarie ad un’azienda del settore Moda, com’è il caso di M&J GROUP. Tecnologia RFId Uhf, monitor Touch Screen, schede elettroniche studiate appositamente per connettersi con i macchinari, linguaggi di programmazione web oriented sono alcuni degli “ingredienti” integrati nel sistema, con l’intento di coprire l’intera filiera produttiva, anche in outsourcing, e le principali attività aziendali: acquisti, vendite, magazzini, picking, produzione e controllo (costi, dashboard etc).

Tutti i reparti produttivi (prototipo, taglio, cucito e lavanderia) e le unità produttive (di proprietà o di terzisti) colloquiano tra loro, disponendo di una visione precisa e globale sulla posizione di ogni singolo capo e su ogni dato/informazione ad esso legato.

La soluzione è quindi focalizzata sulla fase produttiva, sia interna che esterna, fino alla fase di picking e spedizione, quando il tag RFID viene rimosso dal capo: quando infatti il materiale esce in lavorazione esterna, il sistema traccia grazie al tag RFID la movimentazione verso lo specifico terzista, il tipo di lavorazione e la quantità.

Percorso d’implementazione e fruizione della soluzione

Fashion_RFID_webSDTO1 è la soluzione basata su gate, totem ed app che raccoglie ed elabora i dati associati al processo produttivo del capo d’abbigliamento, dialogando con le macchine del tessile e connettendosi anche in modalità mobile: un unico sistema, quindi, pensato per supportare i processi nell’ambito della filiera della confezione.

Mixando i trend tecnologici più attuali, dall’acquisizione automatica dei dati via RFID ai Big Data e relativa analisi per dar vita all’informazione che crea Valore, la soluzione, in particolare, prevede l’apposizione del tag RFID al singolo capo di abbigliamento o al bundle (mazzetto di più capi ) in fase di campionatura, per gestire d’ora in poi tutto il ciclo di vita dell’articolo (riunioni, modifiche al campione, mail etc.): in ogni reparto, linea di produzione e in alcuni casi anche sulla singola macchina, l’operatore avvicina il capo o il bundle al totem SDT01, che ne traccia così il passaggio e registra tutte le informazioni collegate a quel preciso prodotto, quali le tempistiche di attraversamento con la produttività, la qualità prodotti, le materie prime ed i prodotti chimici usati, i consumi della macchina.

La sfida maggiore di quest’esperienza tecnologica consiste nell’ambizioso obiettivo: tenere traccia di ogni singolo capo in produzione e logistica, conoscere le rilavorazioni e gli scarti per averne un controllo stretto (legato anche al costo della commessa), sapere quali sono gli operatori addetti alle varie operazioni per analizzarne e se necessario migliorarne le tempistiche, la produttività e l’efficienza.

L’intero sistema tecnologico, quindi, converge verso un unico focus: disporre di dati, elaborati poi in informazioni, rapidi sicuri; il tutto attraverso tool di facile installazione (da parte di Essedi) e semplice utilizzo (da parte degli operatori), tanto che in un solo mese M&J GROUP si è allineato con le operazioni richieste dalla soluzione per la gestione dei 50 mila capi prodotti giornalmente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Benefici

Attualmente, la storia di ciascun style, ossia del lotto e delle relative materie prime utilizzate per la produzione, è tracciabile, a garanzia della qualità dei processi produttivi di M&J Group.

Attraverso il sistema di Business Intelligence, il management ha così la possibilità di monitorare la produttività del personale e la redditività dei prodotti e dei clienti in modo tempestivo, avvalendosi delle funzioni di reporting con dati impostati direttamente dal singolo utente.

Operativa in M&J GROUP da gennaio 2016, la soluzione ha generato nei primi 3 mesi di attività una riduzione del 70% dei rilavorati e del 25% i rigettati: oltre ad un risparmio di tempo da parte del personale, la migliore efficienza operativa ha drasticamente ridotto anche l’impiego di prodotti chimici e di materia prima, il tutto accompagnato da un aumento del 30% della produttività.

Architettura RFID

RFID Reader RedWave by RFID GlobalIl totem interattivo, cuore tecnologico della soluzione, integra anche architetture RFID in banda UHF:

  • RedWave Short Range Reader RED.MRU80-M2-U: dispositivo multi-protocollo con interfaccia USB e multiplexer integrato,

  • Antenne ANT.U160/160-EU
  • Smart Label (etichetta tessuta), EPC G2 (chip Alien Higgs3).

Press Release

 

 Richiesta_Informazioni_249x70